sicurezza dei prodotti alimentari e packaging

Sicurezza dei prodotti alimentari e packaging: Regolamento CE n°1935/2004 e  CE 2023/2006

Sicurezza dei prodotti alimentari e packaging è un tema negli anni sempre più sentito, con un crescente intervento della normativa in merito, per garantire una chiara consapevolezza del rischio che eventuali contaminazioni dei prodotti alimentari possono rappresentare. Sono due i regolamenti Comunitari di riferimento in merito.

Con la normativa Comunitaria n°1935/2004, il Legislatore si occupa della sicurezza dei prodotti alimentari e del packaging poiché si esprime in merito ai materiali e agli oggetti destinati ad entrare in contatto con gli alimenti. Su di essi, come nel caso di contenitori e bottiglie, specifica una comune normativa che ha il compito di tutelare la salute e gli interessi dei consumatori, garantendo i requisiti di  vendibilità dei prodotti nello spazio economico Europeo.

Con la normativa vengono individuati 17 gruppi di materiali e oggetti, come, a titolo esemplificativo,  il sughero, il vetro, i tessuti o la plastica, rispetto ai quali vengono prescritte specifiche misure, fra le quali:

  • requisiti di purezza e il dettaglio delle sostanze impiegate
  • nel caso in cui si voglia integrare l’utilizzo di una nuova sostanza è necessario rivolgersi all’Autorità Nazionale preposta che provvedrà alla presentazione della domanda all’autorità Europea per la Sicurezza Alimentare
  • I materiali impiegati per la realizzazione degli imballaggi dovranno recare la dicitura “per contatto con i prodotti alimentari” con relativo logo
  • devono essere attive e disponibili misure di rintracciabilità, che consentono il ritiro di eventuali prodotti non idonei o difettosi.
  • Le autorità Nazionali possono provvedere in autonomia al ritiro di un materiale in presenza di evidenze che ne motivino adeguatamente il provvedimento. La decisione dovrà essere successivamente comunicata alla Commissione Europea
  • sono esclusi dalla normative i materiali per l’antiquariato, o  alcuni prodotti e rivestimenti come preparazioni a base di frutta e carni che possono essere assunti insieme agli alimenti stessi.

Il regolamento è entrato in vigore il 3 dicembre 2004.

Con il regolamento Comunitario 2023/2006, il Legislatore interviene nuovamente in merito alla sicurezza dei prodotti alimentari e packaging. 

In considerazione del reg. CE 1935/2004, per definire “le norme relative alle buone pratiche di fabbricazione (GMP) per i gruppi di materiali e di oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti” …” e le combinazioni di tali materiali ed oggetti nonché di materiali ed oggetti riciclati impiegati in tali materiali ed oggetti.”

L’obiettivo è l’istituzione di linee guide sulle GMP in grado di garantire uniformità fra gli Stati Membri nelle modalità di produzione dei materiali e contenitori destinati al contatto con gli alimenti. A seguito di questo regolamento che si applica …” a tutti i settori e a tutte le fasi di produzione, trasformazione e distribuzione di materiali e oggetti, sino ad e ad esclusione della produzione di sostanze di partenza…” gli operatori del settore sono tenuti a garantire il rispetto delle GMP nelle operazioni di fabbricazione di materiali e contenitori, attraverso:

  • l’istituzione, l’attuazione e il rispetto di sistemi di assicurazione della qualità
  • l’istituzione l’attuazione e il rispetto di sistemi di controllo della qualità
  • l’elaborazione e conservazione di una puntuale documentazione in merito

Il regolamento è entrato in vigore dal 1 agosto 2008.

Sicurezza dei prodotti alimentari e packaging ultima modifica: 2017-05-07T05:47:31+02:00 da Valeria Cei