master in packaging UNIPR

Iscrizioni aperte fino al 29 dicembre 2021 per la nuova edizione

Per chi vuole investire in una carriera nel mondo del Packaging o per chi vuole aggiornarsi sarà possibile iscriversi per il prossimo anno accademico al Master in Packaging dell’Università di Parma, fino al 29 dicembre 2021.

Sono aperte dal mese di settembre le iscrizioni al Master di Primo livello dell’Università di Parma sul Packaging, il primo in Italia attivato dall’Ateneo Parmense che ha una lunga tradizione nella ricerca e formazione dedicata al settore. Anche per questa nuova edizione del Master, la formazione proposta si rivolge sia agli studenti laureati che vogliano acquisire un’alta formazione per lavorare in questo comparto sia a professionisti che abbiano necessità di aggiornamento e puntino sulla formazione costante che la complessità della filiera richiede.

A proposito del Master in Packaging

Il Master in Packaging si propone di trasmettere competenze sul comparto Packaging,un settore che richieste competenze trasversali e interdisciplinari.
Il percorso di studi forma figure professionali in grado di inserirsi sia nel comparto produttivo di realtà industriali, sia in laboratorio. Gli studenti saranno in tal senso formati per comprendere e riconoscere i materiali più idonei per i prodotti da confezionare, le incompatibilità potenziali collegate a possibili fenomeni di migrazione, la permeabilità nei confronti di agenti esterni e resistenza alle aggressioni chimiche, oltre all’acquisizione di conoscenze utili per progettare gli imballaggi valutandone anche gli aspetti normativi ed economici con un’attenzione sempre maggiore al recupero degli imballaggi e all’ambiente.

Requisiti per l’ammissione

L’ammissione al Corso è subordinata al superamento di una selezione aperta a coloro che sino in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:
laurea triennale, magistrale, specialistica o vecchio ordinamento di qualsiasi classe di laurea.

Master in Packaging UNIPR 2022 ultima modifica: 2021-11-09T12:41:00+01:00 da Valeria Cei