Linea di packaging in cartone per alimenti Tetra Recart®

Dalla linea Tetra Recart® alla gamma di alimenti e bevande funzionali, il futuro passa dall’integrazione nella catena del valore

Li abbiamo incontrati in occasione di Marca byBolognaFiere, l’esposizione dedicata alla Distribuzione Moderna Organizzata, nella doppia veste di espositori e relatori all’evento organizzato dall’Osservatorio Packaging del Largo Consumo Nomisma, focalizzato sul tema “Gli italiani e la sostenibilità: il ruolo del packaging nel carrello della spesa”.

Tetra Pak, leader globale nelle soluzioni per il trattamento e il confezionamento alimentare, si racconta tracciando attraverso una rapida carrellata delle sue soluzioni di confezionamento più iconiche e a partire da queste delinea il percorso del prossimo futuro, ben rappresentato in questo contesto d Tetra Recart®.

Questa linea per il confezionamento alimentare propone, come alternativa al classico confezionamento in barattolo, il pack cellulosico, per la prima volta declinato su una vasta gamma di referenze del settore food. Salse, sughi, legumi, verdure, zuppe, piatti pronti, pet food, alimenti per la prima infanzia, Tetra Recart® amplia le categorie e spazia dai liquidi ai solidi alimentari, si propone come confezionamento del prodotto per il food a lunga conservazione, forte di caratteristiche tecniche più che collaudate che garantiscono la massima sicurezza e prestazioni eccellenti sul fronte della shelf-life. 

Francesca Priora, Sustainability Director Tetra Pak South Europe

[…] La sfida con la messa a punto di Tetra Recart® – ci spiega Francesca Priora  Sustainability Director Tetra Pak South Europe –  si è concentrata su un doppio obiettivo: garantire alti standard di igiene, sicurezza e conservazione su prodotti a lunga conservazione destinati all’esportazione anche verso mercati lontani e proporre un pack in grado di ridurre l’impatto ambientale rispetto al confezionamento classico in barattolo. […] E il profilo ambientale di Tetra Recart® è importante, si tratta di un pack a base carta, con il 71% di carta certificata FSC® riduce le emissioni di CO2 dell’83%, ottimizza la logistica grazie alla base rettangolare più semplice da stoccare, trasportare e disporre a scaffale; più leggero, è facile da movimentare e più versatile a livello comunicativo. Un pack, insomma, che fornisce una risposta evoluta a tutte le sue prerogative fondamentali.

Tetra Pak appare estremamente pronta a interpretare le esigenze dei consumatori; quest’ultimi più responsabili e consapevoli del proprio ruolo rispetto all’ambiente, inclini a scelte sostenibili, come hanno rivelato gli stessi dati dell’Osservatorio Packaging del Largo Consumo di Nomisma. E questa capacità nell’anticipare le tendenze di consumo e fornire soluzioni in linea con un mercato in evoluzione, sono le stesse grazie alla quali ha preso forma e si va delineando un’altra novità in casa Tetra Pak.

Si tratta di una nuova gamma di alimenti e bevande funzionali dedicate alla salute fisica e mentale con la quale, l’azienda, intende rispondere alla crescente attenzione del consumatore verso la salute e il benessere fisico e psicologico. 

Una gamma che nasce da partnership di grande prestigio che descrive, peraltro, l’evoluzione di Tetra Pak nell’approccio ai nuovi progetti […] stiamo lavorando molto all’integrazione nella catena del valore – ci spiega Francesca Priora – un approccio che include dalla sostenibilità al portfolio pacchetti. Contiamo su collaborazioni industriali di grande prestigio grazie alle quali possiamo soddisfare criteri qualitativi estremamente elevati lungo tutto il ciclo di vita del prodotto… Non ci occupiamo più esclusivamente della produzione del packaging ma il nostro lavoro inizia dal processamento degli alimenti, ben prima del loro confezionamento, per garantirne la miglior qualità. Nel nostro progetto più recente abbiamo lavorato anche sulle formulazioni dei prodotti e non sarà certo un’eccezione, quanto piuttosto il nostro apporto diretto per anticipare i nuovi trend e offrire ai consumatori soluzioni più in linea con i loro bisogni. […]

In questa visione di filiera che guida Tetra Pak, grande rilievo hanno poi le partnership per la sostenibilità; come quella con Comieco per superare le percentuali di legge sul volume riciclato che l’azienda ambisce a portare al 60% entro il 2025 e con le cartiere, per ottimizzare le infrastrutture del riciclo e portare i materiali post riciclo in adozione nei grandi sistemi, come nel caso della logistica. 

Collaborazioni d’eccellenza, dunque, per amplificare il valore del proprio operato con progetti che non sono più di settore, ma guadagnano una prospettiva di filiera. 

E restando nell’ambito dell’impegno alla sostenibilità, impossibile non chiedere una battuta rispetto al Regolamento Europeo sugli imballaggi, anche in questo caso a prevalere è il concetto di integrazione. 

[…] La via più auspicabile – secondo Priora – è quella che non considera alternativi riciclo e riuso, quanto piuttosto complementari e integrabili, all’interno di un contesto nel quale la normativa si fa garante di condizioni paritarie di competitività e si impegna a favorire una sincronizzazione efficace fra le aziende e protocolli chiari e univoci che devono guidarne la transizione verso un modello più sostenibile. L’industria alla quale si chiede uno grande sforzo necessario e vitale per il suo futuro, deve essere quindi adeguatamente supportata anche con misure di reward per i casi di eccellenza.  […]

TETRA PAK alla manifestazione marca 2024 ultima modifica: 2024-01-24T13:35:28+01:00 da Redazione