Compact 24 il nuovo modello in esposizione a Pack Expo Las Vegas

Alla fiera Pack Expo Las Vegas dal 27 al 29 settembre in esposizione una monoblocco di conteggio e tappatura e una soluzione di processo per il mercato americano

Con il supporto della filiale americana Marchesini Group USA, fondata nel 1992 e divenuta negli anni un punto di riferimento per l’industria farmaceutica, biotecnologica e nutraceutica del mercato americano, canadese e portoricano, il Gruppo Marchesini torna ad esporre in presenza alla fiera Pack Expo Las Vegas, Nevada, dal 27 al 29 settembre.

L’area espositiva è situata all’interno del padiglione Healthcare Packaging (stand 6535 SL) e vede la presentazione di due novità: la Compact 24, una soluzione efficiente e flessibile, pensata per soddisfare le esigenze del mercato nutraceutico e una versione più compatta e versatile del TURBO-MEK 1000, turboemulsionatore per la lavorazione di prodotti liquidi e cremosi per l’industria cosmetica e farmaceutica.

Si tratta della prima manifestazione fieristica in presenza dopo la pandemia da Covid-19 per Marchesini e precede di poco la partecipazione al Fachpack, in programma a Nüremberg, in Germania (28-30 settembre).

Compact 24: monoblocco per il riempimento e la tappatura di flaconi per compresse, capsule o confetti 

A Las Vegas i visitatori vedranno la Compact 24, realizzata dalla divisione Tonazzi-Vasquali per rispondere alle nuove esigenze del mercato dei prodotti nutraceutici. 

“Una soluzione – spiegano alla Marchesini –  che integra in una sola macchina più operazioni e che assicura altissimi livelli di efficienza nelle fasi cruciali di conteggio e tappatura.”

Sulla Compact 24 in mostra, l’innovazione viene messa al servizio della semplificazione nel cambio formato, offrendo la possibilità di mantenere altissimi standard qualitativi e di performances, anche in presenza di prodotti diversi e lotti di piccola o media dimensione. 

Un risultato che è stato possibile raggiungere utilizzando un sistema di trasporto innovativo di tipo magnetico che consente di superare i limiti generalmente imposti dai normali sistemi di trasporto, per mezzo della movimentazione totalmente autonoma di ogni singolo flacone: posizionamenti, raggruppamenti, velocità di spostamento sono solo alcuni dei parametri che rendono questo sistema unico nel suo genere. 

La sezione di conteggio è formata da due testate da 12 canali ciascuna, equipaggiate con il sistema “twin flap” che permette alla macchina di raggiungere la velocità di 150 flaconi al minuto

La macchina è predisposta per accogliere tutti i principali sistemi di tappatura (avvitabili, press-on, crimpati) e offre la più vasta gamma disponibile di applicazioni per garantire il controllo totale del prodotto da confezionare (controllo peso, forma, dimensione e colore). I diversi tipi di controllo possono essere abilitati tutti insieme o in parte, a seconda del mercato, del prodotto da confezionare e delle esigenze finali del cliente. In base alla tipologia di produzione, la macchina può infine ospitare a bordo sistemi di protezione operatore (RABS) o di protezione prodotto (Laminar Flow).

Il nuovo TURBO-MEK 1000

Tra le macchine esposte in fiera ci sarà anche una nuova versione del TURBO-MEK 1000 di Dumek, marchio del Gruppo specializzato nella progettazione e nella fabbricazione di macchine per il processo di prodotti cosmetici e farmaceutici. 

L’azienda, con alle spalle più di 40 anni di esperienza e oltre 4.000 macchine installate nel mondo, presenta al mercato americano l’ultima versione, più compatta e versatile, di turboemulsionatore operante sottovuoto per la lavorazione di prodotti liquidi e cremosi.

Il nuovo TURBO-MEK 1000 è stato progettato e sviluppato seguendo le linee guida dell’hygienic e cleaning design, nell’ottica di favorire il risparmio energetico e un utilizzo più efficiente di acqua nelle fasi di lavaggio.

La macchina – sottolinea Marchesini Group – è dotata di SMART TC, un sistema intelligente brevettato da Dumek per favorire non solo il risparmio energetico durante le fasi di riscaldamento e raffreddamento, ma anche un controllo più accurato delle fasi del processo, assicurando maggiore ripetibilità. Inoltre, la presenza di sprayballs ad alta efficienza e di un CIP completamente automatico consente l’ottimizzazione dei consumi dell’acqua di lavaggio.”

Il nuovo turboemulsionatore, dotato di un pannello di controllo touch e interfacciabile con dispositivi mobile, si avvale delle ultime tecnologie per il monitoraggio e il controllo dei parametri di processo. Un ampio database interno consente, inoltre, di memorizzare le ricette di produzione. Questa nuova versione è facilmente inseribile in un contesto produttivo con gestione centralizzata mediante sistemi di tipo MES/MOM.

Monica Dall’Olio

Healthcare Packaging: le novità di Marchesini Group a Pack Expo ultima modifica: 2021-09-16T15:58:28+02:00 da Redazione