packaging green premiato dalle grandi insegne della GDO

Dall’Osservatorio Packaging del Largo Consumo: cresce l’attenzione dei consumatori verso l’ambiente e i comportamenti d’acquisto premiano il packaging green

L’evoluzione del green packaging è frutto di una crescente richiesta che arriva da istituzioni e consumatori, questo è quanto risulta dalla II edizione dell’Osservatorio Packaging del Largo Consumo realizzato da Nomisma in collaborazione con SpinLife. La seconda edizione dello studio ha preso in considerazione il ruolo del packaging nelle strategie di sostenibilità dei retailer italiani.

In particolare durante la fase di ascolto in profondità, le 9 insegne della GDO che hanno partecipato attivamente alle rilevazioni dell’Osservatorio, hanno puntualizzato il forte impegno profuso in ottica di sostenibilità ambientale. Una posizione che nasce in un contesto nel quale le politiche ambientali sono al centro degli interessi della Comunità Europea, ormai da anni impegnata a sensibilizzare e tradurre in comportamenti più responsabili le scelte delle nazioni: si pensi agli obiettivi del Green New Deal. Ma non solo, anche i consumatori, analizzati nei loro comportamenti d’acquisto dimostrano un’accresciuta sensibilità nei confronti dell’ambiente e riflettono nelle loro scelte una propensione verso il green packaging.

Questi indicatori già piuttosto marcati sono ulteriormente cresciuti durante il periodo di lockdown; alcuni numeri:

Il 27% dei consumatori hanno acquistato un numero superiore di prodotti sostenibili ed ecofriendly rispetto alla fase pre-Covid. Il 23% degli italiani ha acquistato in quantità superiore prodotti confezionati con pack sicuro e 1 su 5 ha scelto per i propri acquisti negozi che promuovono prodotti sostenibili. Quest’ultimo dato è di particolare interesse perché ci permette di chiarire come la sostenibilità ambientale sia diventata un driver anche per la scelta del punto vendita in cui recarsi.

Secondo le previsioni questa tendenza sarà determinante anche nel prossimo futuro.

Le aziende del packaging e l’impegno a diventare green

Rispetto al comportamento delle insegne, nella loro totalità impegnate nell’evoluzione in ottica green, il 78% di esse sta lavorando alla riduzione del packaging in eccesso prediligendo un confezionamento sostenibili. un’altra fetta importante di operatori sta lavorando alla riduzione d’eliminazione della plastica vergine.

A livello di comunicazione le insegne della GDO investiranno molto sul packaging come strumento determinante per comunicare i valori green dell’azienda: l’importanza della riduzione del pack in eccesso, l’impiego di  materiali provenienti da fonti rinnovabili e la lotta agli spreco alimentare.

Il green Packaging per la GDO

Per le insegne della grande distribuzione inoltre, un packaging sostenibile per essere tale deve soddisfare due requisiti fondamenatali

  • essere riciclabile, caratteristica ritenuta la più importante in media dal 90% delle insegne.
  • essere sostenibile, o meglio l’intero processo che scandisce ogni fase del ciclo di vita del pack deve essere sostenibile

Ecco allora il grande favore incontrato da confezioni realizzate con materiali provenienti da fonti rinnovabili o vegetali dalle ridotte emissioni di anidride carbonica.

Fonte Nomisma

Green Packaging: la GDO punta su imballaggi da fonti rinnovabili ultima modifica: 2020-10-06T15:41:00+02:00 da Valeria Cei