Concorso per le migliori etichette di design

Il concorso dedicato alle etichette dal design più innovativo premia Basile ADV di Andrea Basile, per la birra Boom Stout del birrificio Matti da Legare

A premiare il design e le etichette più originali della birra artigianale ci ha pensato Best Label 2020, il concorso promosso da Solobirra, nell’ambito della fiera Hospitality – Il Salone dell’Accoglienza (Riva del Garda, 2-5 febbraio). 

Ben 98 etichette originali si sono sfidate e hanno presentato i loro lavori alla giuria di esperti di design e marketing composta da Gianpietro Sacchi, Interior Consultancy & Design e Direttore corsi di alta formazione di POLI.design, Chiara Tomasi, Marketing manager di Arconvert Spa / Graphic Designer e Visual Artist, e Laura Menichelli, Creative director, Designer & Professor.

I giurati, nel selezionare le etichette con il design più creativo e originale, hanno valutato le caratteristiche che consentono al prodotto di distinguersi rendendolo unico e riconoscibile.

Le iscrizioni di birrifici artigianali, beer firm, brewery rent e brew pub, oltre a studi grafici, agenzie di pubblicità, progettisti ed etichettifici sono arrivate da tutta Italia e non solo: presenti anche studi grafici di Croazia, Repubblica Ceca e Svizzera.

Le etichette vincitrici

E’ stato Basile ADV di Andrea Basile ad aggiudicarsi il primo posto, che per la birra Boom Stout del birrificio Matti da Legare ha saputo, queste le motivazioni degli esperti, “creare un concept forte e originale, con un importante impatto visivo, una composizione grafica accurata ed efficace, il collarino innovativo aggiunge valore al prodotto”. 

Il secondo premio è andato alla grafica ceca Jana Benesova per l’etichetta della Richard Sveták del birrificio Richard: “un progetto accurato sotto tutti i punti di vista con un concept forte e legato al territorio. Particolare attenzione al dettaglio”.

In terza posizione Dario Frattaruolo, per la birra Balena Bianca del Birrificio sul Mare: “concept e segno grafico originali, forte coerenza segnica tra tutte le declinazioni prodotto. Illustrazioni accurate e palette cromatica raffinata ed innovativa. Buona la scelta della carta che valorizza l’illustrazione”.

etichette vincitrici

7 le menzioni speciali

La giuria, nel selezionare le etichette con il design più creativo e originale, ha valutato tutte le caratteristiche che consentono al prodotto di distinguersi rendendolo unico e riconoscibile e ha scelto di assegnare anche 7 menzioni speciali

Menzione Millennials all’Etichettificio Multi-Color Italia per Surfing I.P.A. e Power Hop del birrificio Hordeum s.r.l. Società Agricola. Premiato il linguaggio grafico molto attuale e ironico che strizza l’occhio proprio ai Millennials.

Menzione Graphic Research & Composition a Sebastiano Nabissi per Road 77 del birrificio Mastio. La composizione grafica articolata ed equilibrata, l’interessante ricerca grafica a partire da un’opera d’arte, l’efficace uso di materiale soft touch su etichetta fasciante per un’esperienza tattile hanno convinto i giurati.

La Menzione Brand Identity porta un secondo premio a Dario Frattaruolo, questa volta per Libeccia, Raganella, Balena Bianca, Lampara, Manta, Granchio Nero, Granchio Bianco del Birrificio sul Mare. E’ piaciuta l’identità visiva forte e riconoscibile, resa grazie ad una efficace declinazione della linea prodotti e alla forte coerenza tra segno illustrato e composizione grafica.

Menzione Originality al Birrificio Zmajska Pivovara d.o.o. per Cyclone: “accattivante fustella dell’etichetta, ben collegata al layout grafico lettering fuori dagli schemi. Accurata attenzione al dettaglio, personalizzazione del tappo che valorizza il brand”.

La Menzione Logo & Naming è andata a Mario Žerjav per Zorniak, Katapult, Bijelo, Ringišpil, Tàman Táman, Cvrkut, Blagoslov, Krampus del birrificio Primarius Craft Pivovara: “naming accattivante, efficacemente raccontato da un logo sintetico e coerente con il brand. Ricercata declinazione dei naming delle diverse tipologie di birra, forte legame con il territorio.”

Menzione Illustration ad Enrico Chiaradia per Exclusive Selection Venezia di Zago Birrificio: premiato l’interessante segno grafico e l’efficace palette cromatica che richiamano il territorio. Originale utilizzo della vernice fluo.

Infine, Menzione Best Printing aGaia Beltrame per Primo Mosto, Mosto Rosso, Mosto Amaro del birrificioMostoItaliano: “elevata attenzione al dettaglio, grande cura del particolare nelle nobilitazioni in rilievo che ben si armonizzano con il resto dell’etichetta”.

Le birre vincitrici sono rimaste esposte nei quattro giorni di fiera nell’area speciale Solobirra.

Monica Dall’Olio 

Etichette di design per birra artigianale: chi ha vinto al Best Label 2020 ultima modifica: 2020-02-04T17:55:00+01:00 da Redazione