Regolamento Europeo sugli Imballaggi PPWR

Il primo via libera del Parlamento dell’Unione Europea frutto di un ottimo lavoro di mediazione

Il Parlamento dell’Unione Europea ha votato a larga maggioranza a favore del Regolamento Europeo sugli Imballaggi PPWR, con l’approvazione di un testo decisamente più flessibile rispetto alla proposta iniziale della Commissione. Il voto, con 426 favorevoli, 125 contrari e 74 astenuti, ha definito la posizione negoziale del Parlamento, in attesa della definizione da parte del Consiglio UE il 18 dicembre.

Il nuovo regolamento sostiene il raggiungimento di una serie di obiettivi di riduzione degli imballaggi: il 5% entro il 2030, il 10% entro il 2035 e il 15% entro il 2040 ai quali si è aggiunta la proposta di obiettivi specifici per i materiali plastici, con riduzioni del 10% entro il 2030, del 15% entro il 2035 e del 20% entro il 2040.

Le modifiche apportate durante il voto hanno evidenziato un equilibrio tra riciclo e riuso, con un focus sull’articolo 22 e sull’articolo 26 che oltre a premiare gli sforzi di efficienza per il riciclo e hanno visto riconosciuta la necessità di far prevalere i principi di sicurezza alimentare e tutela della salute pubblica. Le restrizioni sugli imballaggi monouso sono state riviste, permettendo a quelli efficienti di rimanere sul mercato europeo.

Il Parlamento ha anche rispetto all’articolo 26, garantito la massima cautela nel definire i target del riuso, considerando le criticità legate al massiccio impiego di risorse come l’acqua.

Il Regolamento conferma i divieti sulla vendita di sacchetti di plastica molto leggeri e le limitazioni sull’uso di formati di imballaggio monouso. A salvaguardia della salute di tutti i consumatori poi,  confermato il divieto alle “sostanze chimiche per sempre” (è il caso delle  sostanze alchiliche per- e polifluorurate o Pfas) e del bisfenolo A negli imballaggi a contatto con gli alimenti.

Il testo approvato include poi, eccezioni temporanee per gli imballaggi alimentari in legno e cera, riconoscendo gli sforzi di paesi come l’Italia nell’investire in sistemi di riciclo ad alta qualità. Ai distributori finali di bevande e cibi da asporto, inoltre, si chiede di offrire ai consumatori la possibilità di utilizzare il proprio contenitore, incentivando le pratiche di riuso.

Il Parlamento ha inoltre introdotto deroghe per i paesi, tra cui l’Italia, che hanno investito in sistemi di riciclo ad alta qualità, esentando chi raggiungerà l’85% di quota di riciclo dagli obblighi di riuso.

La votazione che segna un passo significativo verso la definizione del nuovo regolamento sugli imballaggi, rimanda per ulteriori confronti al trilogo presumibilmente dal mese di gennaio. 

Regolamento Europeo sugli Imballaggi PPWR ultima modifica: 2023-11-28T12:31:27+01:00 da Redazione