bonus pubblicità

Cosa cambia per il credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari con il Decreto Sostegni Bis

Il mese di settembre si apre con l’introduzione di una nuova finestra temporale per presentare domanda e accedere al “bonus pubblicità; un mese di tempo, dall’ 1 al 30 settembre, per usufruire delle novità introdotte dal Decreto Sostegni bis. Ricordiamo che la possibilità di accedere al credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari con l’ultimo Decreto, poi convertito in legge, ha modificato l’accesso al bonus rispetto alla versione originale. 

Il credito d’imposta infatti, è stato inizialmente concepito per essere conteggiato sulla base dell’investimento incrementale rispetto all’anno precedente e solo successivamente esteso sul totale della somma spesa. I cambiamenti introdotti con il Decreto Sostegni Bis vedono cadere questo principio, almeno per il 2021 e il 2022. 

I fondi stanziati per il bonus pubblicità 

Ricordiamo che per l’anno 2021 è previsto un tetto massimo di 90 milioni di euro così ripartiti: 

  • 65 milioni destinati agli investimenti su giornali, quotidiani e periodici cartacei e online
  • 25 milioni destinati alle emittenti televisive e radiofoniche nazionali e locali non partecipate dallo Stato

Le novità del bonus pubblicità per il 2021 e 2022

Fra le principali novità introdotte, è stato unificato il trattamento per le campagne tv e le campagne stampa sia su cartaceo che per l’editoria online, sia per le televisioni in analogico che in digitale. Per gli anni 2021 e 2022 il credito d’imposta è dunque concesso nella misura unica del 50% del valore degli investimenti effettuati e viene meno il requisito degli investimenti incrementali. 

Chi ha diritto al credito d’imposta

Nel 2021 e nel 2022 quindi, potranno accedere al credito d’imposta,  impreselavoratori autonomi ed enti non commerciali che:

  • non abbiano effettuato investimenti pubblicitari nel corso del precedente anno
  • abbiano programmato investimenti pubblicitari inferiori a quelli del precedente anno
  • diano inizio alla propria attività nel 2021 0 2022

I nuovi parametri saranno applicati anche alle aziende che hanno già presentato domanda. Ricordiamo a tal proposito l’iter di presentazione delle domande.

Cosa presentare e quando 

Chi sia interessato a beneficiare del credito d’imposta del 50% dovrà presentare due domande distinte: 

  • dal 1° settembre al 30 settembre, è necessario presentare la “Comunicazione per l’accesso al credito d’imposta” indicante tutti i dati relativi agli investimenti già realizzati o che si intende realizzare durante l’anno
  • dal 1° al 31 gennaio del l’anno successivo, è necessario presentare la “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati”; quest’ultima per indicare che gli investimenti previsti nella Comunicazione siano stati realmente effettuati.

Sarà il Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria a rendere noto l’elenco degli ammessi a usufruire del beneficio e e per quali importi, fermo restando il tetto massimo di spesa pari a 90 milioni per l’anno 2021. L’importo riconosciuto sarà da utilizzare in compensazione mediante apposito modello F24.

Bonus pubblicità: nuova finestra dal 1 al 30 settembre per presentare domanda ultima modifica: 2021-08-31T15:55:18+02:00 da Valeria Cei