Fondi alle imprese

Domande dal 13 febbraio al 12 aprile 2024 per usufruire del beneficio destinato all’acquisto di servizi digitali per l’export

Al via il contributo che finanzia le spese per l’acquisto di soluzioni digitali per l’export, ovvero il “Bonus Export Digitale Plus” l’importante iniziativa volta a sostenere le micro e piccole imprese manifatturiere italiane nel loro percorso di internazionalizzazione, mediante l’adozione di soluzioni digitali avanzate per l’export. Gestito da Invitalia e promosso dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale in collaborazione con l’Agenzia ICE, questo incentivo si inserisce all’interno di una strategia più ampia per potenziare la competitività delle imprese italiane sui mercati internazionali.

A chi si rivolge il il Bonus

Destinatari dell’incentivo, come anticipato, sono le micro e piccole imprese manifatturiere italiane, incluse quelle aggregate in reti o consorzi, che cercano di espandere la propria presenza oltre i confini nazionali attraverso l’utilizzo di tecnologie e piattaforme digitali.

Caratteristiche e modalità di erogazione del beneficio

Le agevolazioni previste dal “Bonus Export Digitale Plus” sono concesse secondo il regime “de minimis”, con contributi fino a 10.000 euro per le singole imprese e fino a 22.500 euro per reti e consorzi, a fronte di spese ammissibili e documentate. I contributi sono erogati in un’unica soluzione, previa rendicontazione delle spese sostenute per l’acquisto di soluzioni digitali per l’export da fornitori qualificati e iscritti all’apposito elenco presso Invitalia, come stabilito dall’Autorizzazione del Direttore Generale n. 20/21.

Sono ammissibili esclusivamente titoli di spesa in formato elettronico emessi, in data successiva alla presentazione della domanda di contributo. Non è in ogni caso riconosciuto alcun contributo a fronte di spese ammesse di importo inferiore ad euro 12.500,00 per le mPI e ad euro 25.000,00 per le reti o i consorzi.

Un’attenzione particolare è rivolta anche alle imprese localizzate in aree colpite da calamità naturali, per le quali sono stati riservati fondi specifici, come delineato nel Decreto Legge n. 61 del 1 giugno 2023 e in ordinanze commissariali successive.

Come e quando presentare domanda

Le domande per accedere al “Bonus Export Digitale Plus” possono essere presentate nel periodo compreso tra il 13 febbraio e il 12 aprile 2024, attraverso una procedura che prevede l’utilizzo dell‘identità digitale (SPID o CNS) e la compilazione online della domanda. I soggetti che hanno ottenuto l’agevolazione sulla precedente misura “Bonus per l’Export Digitale” possono richiedere il contributo solo se hanno già completato l’iter agevolativo e hanno rendicontato nei termini, la rinuncia al beneficio del Bonus per l’Export Digitale, o una rendicontazione irregolare non consentono l’accesso al nuovo contributo.

Il “Bonus Export Digitale Plus” si basa su un solido quadro normativo, delineato dal Provvedimento Attuativo del 6 febbraio 2024 e dal Bando dell’8 gennaio 2024, che ne definiscono i criteri di accesso, le modalità di erogazione dei contributi e le condizioni di ammissibilità delle spese.

Consulta il bando

Consulta la scheda Invitalia sul beneficio

BONUS EXPORT DIGITALE PLUS 2024 ultima modifica: 2024-02-19T12:50:22+01:00 da Valeria Cei